Vendita Online Caffè Macinato

Bere più caffè fa bene alla salute e allunga la vita

Maggiore consumo di caffè potrebbe portare ad una vita più lunga, secondo due nuovi studi pubblicati qualche mese fa negli stati uniti.

I risultati hanno rimesso in discussione le convinzioni sugli effetti del caffè sulla salute.

Uno studio ha analizzato più di 520.000 persone in 10 paesi europei, rendendolo il più grande studio di caffè e mortalità, e ha scoperto che bere più caffè potrebbe significativamente ridurre il rischio di mortalità di una persona.

Il secondo studio è stato più novello, in quanto si è concentrato su popolazioni non bianche. Dopo aver esaminato oltre 185.000 afro-americani, nativi americani, hawaiani, giapponesi americani, latini e bianchi, i ricercatori hanno scoperto che il caffè aumenta la longevità in varie razze.

Secondo lo studio, le persone che bevevano dalle due alle quattro tazze di caffè al giorno avevano un rischio di morte inferiore del 18% rispetto alle persone che non bevevano caffè.

Questi risultati sono coerenti con studi precedenti che hanno esaminato la maggioranza delle popolazioni bianche, ha affermato Veronica Wendy Setiawan, professore associato di medicina preventiva presso la Keck School of Medicine di USC, che ha condotto lo studio sulle popolazioni non bianche.
“Dato queste popolazioni molto diverse, tutte queste persone hanno diversi stili di vita, hanno abitudini alimentari molto diverse e diverse suscettibilità – e abbiamo ancora modelli simili”, ha detto Setiawan.
Il nuovo studio dimostra che c’è una più forte possibilità biologica per il rapporto tra caffè e longevità e che la mortalità è inversamente correlata al consumo di caffè per malattie cardiache, cancro, malattie respiratorie, ictus, diabete e malattie renali.

Lo studio sui paesi europei ha rivelato un’associazione inversa tra il caffè e la malattia del fegato, il suicidio negli uomini, il cancro nelle donne, le malattie digestive e le malattie circolatorie.

Coloro che bevevano tre o più tazze di caffè al giorno avevano un rischio minore per la morte per tutte le cause di quelle che non bevevano caffè.

Entrambi gli studi sono stati pubblicati negli Annals of Internal Medicine.

“Abbiamo visto diversi paesi in tutta Europa, dove il modo in cui la popolazione consuma e prepara caffè è piuttosto diverso”, ha affermato Marc Gunter, ricercatore di epidemiologia e prevenzione del cancro alla scuola di salute pubblica dell’Imperial College nel Regno Unito.

I vantaggi biologici e gli avvertimenti

Il caffè è una miscela complessa di composti, alcuni dei quali sono stati rivelati nei laboratori per avere effetti biologici, ha dichiarato Gunter. Gli studi hanno dimostrato che alcuni composti hanno proprietà neuroprotettive e antinfiammatorie che possono contribuire a ridurre il rischio di malattie come la malattia di Parkinson.

Negli studi europei, le persone che bevevano il caffè tendevano ad avere livelli inferiori di infiammazione, profili lipidi più salati e un migliore controllo del glucosio rispetto a quelli che non lo erano. Non è ancora chiaro quali particolari composti forniscono benefici per la salute, ma Gunter ha dichiarato che sarebbe interessato a esplorarlo ulteriormente.

Entrambi gli studi hanno separato i fumatori dai non fumatori, dal momento che il fumo è noto per ridurre la durata della vita ed è legato a vari problemi. Tuttavia, hanno scoperto che il caffè aveva effetti inversi sulla mortalità anche per i fumatori.
“Il fumo non sembra sfondare gli effetti del caffè”, ha dichiarato Gunter. “Non importa se tu fumavi o no. C’era ancora un potenziale effetto benefico del caffè sulla mortalità”.

Tuttavia, il dottor Alberto Ascherio, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health, ha detto che le persone dovrebbero prestare attenzione a questa scoperta.
“Anche se fosse in qualche modo vera, non ha senso per me, perché fumando, aumenta il rischio di mortalità più volte.

Gli studi completano il lavoro fatto sul caffè e sulla mortalità, ha detto, ed è stato ragionevolmente documentato che i bevitori di caffè hanno un rischio minore di morte.
Tuttavia, con tutte le osservazioni degli studi precedenti, è difficile escludere la possibilità che i bevitori di caffè siano semplicemente più sani da cominciare, ha dichiarato Gunter.
Le persone che evitano il caffè, in particolare in luoghi come gli Stati Uniti e l’Europa dove bere la bevanda è molto comune, lo fanno perché generalmente hanno problemi di salute. Il loro tasso di mortalità più elevato quindi potrebbe essere il risultato di essere meno sani di base.

“Penso che la migliore conclusione è che se sei un bevitore di caffè, continua a bere il caffè e a essere felice”, ha detto Ascherio. E se non lo sei? “Penso che tu possa continuare a bere tè o acqua senza un problemi”.

Nel frattempo, Gunter e Setiawan stanno pensando con più convinzione al caffè come un beneficio sanitario.
“Il messaggio è che bere un paio di tazze di caffè al giorno non faccia male, e in realtà, potrebbe essere qualcosa di salutare, il consumo di caffè moderato può essere incorporato in una dieta sana e nello stile di vita e questi studi e gli studi precedenti suggeriscono che per la maggioranza delle persone, non c’è un danno a lungo termine da bere caffè”.

Lascia un commento